25443020_10156084448807171_3624795557747875172_n

ANCORA CEMENTO A MONTESILVANO

L’attuale maggioranza a Montesilvano, spesso attraverso le parole del sindaco, elogia le proprie doti di trasparenza. Questo però non corrisponde alla realtà, visto che siamo venuti a conoscenza, per caso, di una delibera di giunta per la modifica del piano particolareggiato 1 ( PP1) .

Non trovandone traccia di pubblicazione abbiamo chiesto la documentazione all’ufficio delibere, l’impiegata  gentilmente  ce ne ha fornito una copia, pur non essendo ancora pubblicata. Non abbiamo ancora avuto il tempo di studiarla, ma, da uno sguardo veloce della copia in nostro possesso ci salta agli occhi che la delibera è stata presentata dal vice sindaco De Martinis in una riunione di giunta dove l’assessore Musa, al momento della votazione, è uscita, essendo, a suo dire, in disaccordo sul contenuto della delibera.

L’assessore, infatti, ritiene che l’operazione non sia conveniente per il comune, ma la giunta non ha ritenuto opportuno ascoltare le sue perplessità  ignorando, di fatto, il suo parere. Politicamente riteniamo molto grave ciò che è accaduto, sia perché sarebbe stato meglio che il provvedimento fosse passato in commissione, dove ogni consigliere avrebbe potuto dare il suo apporto, e sia perché l’assessore non può entrare in contrasto con la sua giunta. Pensiamo a questo punto, che l’assessore all’urbanistica, Manola Musa, debba rimettere il mandato al sindaco perché di fatto è stata sfiduciata dalla sua stessa maggioranza.

Gabriele Straccini

 

Anche il gruppo #montesilvano2019 vota a favore.
Aliano strilla, la Musa si assenta, Paolo Cilli vota a favore. 1X2.

Il sindaco (forse in conflitto di interessi?) non pervenuto.

Questo è il quadretto che regalerà a Montesilvano un’altra colata di cemento nel quartiere PP1, già mortificato dalla perdurante assenza di servizi, marciapiedi, verde, decoro, tutto.
Ieri abbiamo chiesto le dimissioni dell’assessore Musa, con delega all’urbanistica, palesemente sfiduciata dal resto della sua maggioranza.
Oggi chiediamo le dimissioni di Paolo Cilli, assessore dello stesso gruppo di Aliano e Musa, che ha votato a favore di questo provvedimento.

Montesilvano è stata per troppi anni succube di questi personaggi, al potere già dai tempi di Cordoma. Molte delle incompiute della città sono nate sotto il loro segno o sono passate per la loro inconcludente gestione. Via Saragat, le scuole di legno, il bocciodromo eccetera eccetera.

Non credete che sia veramente il momento di dire basta a questa politica?

Cristhian Di Carlo